Gare campionato Ferrari Challenge 2016 Trofeo Pirelli | Scuderia Ferrari Club
665
post-template-default,single,single-post,postid-665,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Gare campionato Ferrari Challenge 2016 Trofeo Pirelli

Gare campionato Ferrari Challenge 2016 Trofeo Pirelli

Ferrari Challenge

Monza, 10 marzo 2016 – Si è conclusa la prima sessione di test pre-stagionali del Ferrari Challenge Europe che si è svolta a Monza, pista che ospiterà anche la prima gara di stagione fra poco più di un mese, in una giornata primaverile.

Debuttanti in luce. Il Ferrari Challenge Europe anche nei test di Monza ha confermato la qualità dei suoi concorrenti e della 458 Challenge EVO. La giornata ha infatti fatto registrare pochissimi errori da parte dei piloti. Anche i debuttanti, alcuni dei quali provenienti dal Corso Pilota Ferrari, sono subito stati in grado di spingere al massimo, tirando fuori dalla vettura ottime prestazioni. Si tratta di un test, che per sua natura non propone sempre i veri valori in campo, però sia Claudio Schiavoni che Deborah Mayer, della debuttante Scuderia Niki, che Roman Yakuskin (Rossocorsa-Pellin Racing) sono stati nelle prime posizioni. Gli “Stakanov” di giornata sono stati Corinna e Thomas Gostner, autori rispettivamente di 100, 70 giri, e Tommaso Rocca con 77.

Pienone a Monza. Fervono intanto i preparativi per il primo round della stagione a Monza, in programma nel primo weekend di aprile. Per l’appuntamento sul mitico autodromo dal disegno superveloce sono quasi cinquanta le vetture attese come sempre suddivise in Trofeo Pirelli (con le classi Trofeo Pirelli e Pirelli AM) e Coppa Shell. In quest’ultima categoria da segnalare le classifiche speciali denominate Coppa Gentlemen, per i piloti over-55, e Ladies Cup, rivolta alle donne pilota, che vedrà in lizza tre pretendenti nel 2016: le sorelle Corinna e Manuela Gostner e la debuttante Deborah Mayer.